www.bancometallifirst.it

Per tutelare i propri risparmi è meglio investire in oro

Oro = sicurezza

Non è un luogo comune quello di recitare il detto che ‘il miglior investimento è quello fatto in oro’, e i fatti lo dimostrano da sempre. Il prezioso metallo conosciuto ed apprezzato fin dall’antichità, si è sempre confermato refrattario ad abbassamenti di valore e, anzi, ha sempre dimostrato la massima affidabilità non solo mantenendo il suo iniziale valore ma, addirittura incrementandolo.

L’oro è una sicurezza che viene certificata non da mode passeggere o da azzardate operazioni speculative, bensì dalla sua specifica storia che lo ha sempre visto protagonista della sicurezza economica. Questo valore intrinseco fa del prezioso metallo una sorta di assicurazione capitale che può essere trasformata in denaro contante in caso di necessità improvvise, senza per questo patire alcuna svalutazione di sorta.

Risparmio ma dove?

L’italiano è sempre stato un popolo risparmiatore, forse perché geneticamente memore di miserie patite da bisnonni e nonni. Educati dai propri genitori all’arte del risparmio sin da piccoli (chi non ha avuto in regalo un salvadanaio?), da grandi ci si è dovuti informare circa il modo più conveniente e sicuro dove conservare i propri risparmi.

La trafila alla quale quasi tutti si sono sottoposti per capire il da farsi, è stata quella di chiedere alla propria banca o anche al proprio assicuratore oppure ascoltare il suggerimento di un amico pronto a svelare i suoi segreti. Si è visto, specialmente in questo ultimo ventennio, come si siano dimostrati inaffidabili titoli e azioni suggerite dall’addetto della banca; o anche quanto poco veritiere siano state le proiezioni fornite dal broker assicurativo che dichiaravano il contrario di quello che poi si è andato a verificare; così come, il famoso ‘bene rifugio’ rappresentato dal mattoncino, ossia dall’investimento immobiliare che era la panacea contro ogni malversazione, alla lunga ha mostrato la corda presentando il conto: tasse di proprietà altissime e, magari, inquilino moroso che ha causato spese legali per essere sfrattato.

Se l’italiano è il popolo con il più alto risparmio in Europa, è lecito chiedersi dove sono stati indirizzati tutti questi fondi? La risposta può essere quasi sicura: titoli di Stato, certificati postali, titoli azionari. E se un tempo, l’idea dell’investimento era legata ad un possibile guadagno che arrivava da interessi maturati oppure dall’andamento della Borsa Valori, al giorno d’oggi questo pare solo una mera utopia.

www.bancometallifirst.it
L’oro è per sempre

Sono i trascorsi poco edificanti che hanno causato notevoli perdite ai piccoli risparmiatori, che hanno evidenziato come investire oro, sia una soluzione che rappresenta una certezza dimostrata nel tempo.

L’oro non svaluta ma si rivaluta. L’oro può essere comodamente custodito in proprio (basti pensare ai mini lingotti facilmente occultabili e facilmente trasportabili) senza paura di perderlo. L’oro è un bene velocemente vendibile in caso di urgenza perché non necessita di lunghe operazioni come quelle relative alla smobilitazione di titoli o azioni. L’oro è una garanzia totale che consente di sapere che i propri risparmi sono al sicuro nelle nostre mani e che il loro valore può essere seguito quotidianamente, solo leggendo la sua quotazione al banco metalli.

Per questa somma di ragioni, investire oro è la soluzione più certa ed appropriata per mettere al riparo i risparmi di una vita. Molte sono le possibilità di acquisto: dal semplice lingotto (ce ne sono di diversi pesi) alle monete, e tutte disponibile presso serie aziende che si occupano di preziosi o presso i banchi metallo che sono autorizzati a vendere oro certificato.

L’importante è affidarsi ad un referente che sia sulla piazza da anni e che abbia acquisito un background che lo ha reso affidabile ed esperto e dove poter avere suggerimenti e indicazioni.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>