macchina-caffe-bar

Macchine caffè da bar: consigli utili per un buon caffè

Il caffè espresso, per intenderci quello bevuto al bar, è una bevanda conosciuta in tutto il mondo. L’Italia vanta il primato del caffè più buono da gustare. Non a caso la macchina da caffè nasce a Torino nel 1884 dall’ingegno del suo inventore Angelo Moribondo. Il procedimento di preparazione della bevanda è quello di sfruttare il potere solvente dell’acqua calda sotto forma di vapore, senza che questa raggiunga il grado di ebollizione.

La prima macchina caffè bar restò immutata per ben 17 anni prima di subire delle modifiche tecniche da parte dell’Ing. Luigi Bezzera, un tecnico milanese che vendendo il suo nuovo brevetto diede di fatto il via alla produzione industriale delle macchine per caffè da bar.

Da quel momento in poi il caffè espresso divenne in assoluto la bevanda più bevuta in Italia ed imitata in tutto il mondo. Il caffè espresso ha un gusto ed un aroma unico. Questo è dovuto alla selezione delle miscele ma anche ad alcuni accorgimenti da usare prima della preparazione. I chicchi di caffè tostati, per esempio, vanno macinati al momento così da ottenere una miscela pronta all’uso ancora carica delle sue proprietà. Il sacchetto fornito dal produttore, essendo sigillato meccanicamente garantisce la freschezza dei chicchi, per questo una volta aperto è utile conservare quelli non utilizzati in barattoli di vetro a chiusura ermetica. In alternativa è buona norma (anche igienica) conservare il sacchetto chiuso almeno in frigorifero ed al riparo da luce ed ambienti esterni che possano contaminare il prodotto.

Consigli utili per la preparazione di un buon caffè

Un altro consiglio utile per produrre un caffè dal gusto e dall’aroma forte è quello di pressare bene con l’apposito arnese (il pressino) il caffè prima di introdurlo nel porta filtro, eventualmente aggiungendo un po’ di miscela macinata.

Naturalmente il consiglio principale per ottenere un buon caffè è quello di tenere sempre sotto controllo la pressione dell’acqua calda. La temperatura ideale non deve mai superare i 9 bar e mantenersi a questa temperatura.

Anche la manutenzione della macchina per caffè non deve essere trascurata ed è opportuno sostituire eventuali accessori quando questi risultano deteriorati dall’usura naturale.

Le macchine moderne esistenti, a differenza delle vecchie caldaie, sono dotate di dispositivi elettronici per controllare la temperatura ed il buon funzionamento della macchina.

Il caffè gustato al bar può essere anche arricchito da eventuali correzioni. Quella al latte, per esempio, prende il nome di caffè macchiato. Il caffè corretto invece è preparato aggiungendo del liquore alla tazzina di caffè. In questo modo il gusto è alterato ma non l’effetto del caffè e le sue proprietà.

Le macchine per caffè da bar sono utilizzate anche per preparare degli ottimi cappuccini. Lo speciale erogatore di pressione, permette alla lancia di fornire vapore secco all’interno del latte macchiato, così da non alterarne il gusto e la quantità con l’introduzione di acqua calda ed al tempo stesso di creare una schiuma densa tipica del cappuccino da bar.
I baristi più estrosi ed esperti riescono a creare delle figure accattivanti proprio sopra la schiuma del cappuccino che regalano alla colazione anche un sorriso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>