Category Archives: Istruzione e Formazione

analisi-dati

Analisi dei dati: il ruolo per le aziende

Analisi dei dati e vantaggio competititvoL’analisi dei dati è importante per qualsiasi business al fine di capire l’andamento del mercato e dei competitor e riuscire ad ottenere un vantaggio competitivo per l’azienda.

La raccolta e l’analisi dei dati possono portare l’azienda al raggiungimento degli obiettivi di business desiderati. Grazie a questo tipo di attività si può infatti riuscire a scoprire cosa fa il mercato (settore) di riferimento dell’azienda, e intraprendere azioni mirate grazie a decisioni basate sui dati.

Grazie alla business intelligence (BI) e all’analisi dei dati è possibile quindi riuscire a prendere decisioni importanti, che potrebbero cambiare l’intero business semplicemente analizzando quello che c’è attorno.

Questo è fondamentale quando si vogliono prendere decisioni, ad esempio, su quali azioni o canali di marketing utilizzare. Conoscere come si muovono i concorrenti dell’azienda, e agire di conseguenza, è fondamentale affinché l’impresa raggiunga un vantaggio competitivo nel tempo.

Raccogliere, analizzare e “far parlare” i dati diventa importantissimo quando si parla di intelligence e di studio dei competitor. Esistono molti tool (alcuni gratuiti, la maggior parte a pagamento) che permettono di effettuare analisi competitiva e business intelligence in maniera adeguata.

Uno di questi software a pagamento è Compete. Grazie alla quantità di dati disponibili, è possibile riuscire ad individuare punti forza e di debolezza dei competitor, offrendo all’azienda che fa BI (business intelligence) la possibilità di ottenere dati reali e potenti su come la competizione si muove rispetto alla stessa azienda.

In questo modo il management aziendale può prendere decisioni strategiche in relazione al futuro e riuscire ad ottenere un vantaggio competitivo nel breve termine, migliorando così la propria posizione nel mercato e nel business di riferimento.

Grazie all’analisi dei dati è quindi possibile prendere decisioni data driven che riguardano gli asset aziendali, permettendo ai markettari di raggiungere al meglio i propri obiettivi grazie ad azioni mirate.

big-data-analysis

Cos’è la business intelligence (BI): definizione, raccolta dati e big data

La business intelligence è il termine con cui si indica una serie di procedure aziendali utilizzate per la raccolta e l’analisi dei dati e delle informazioni strategiche. Con questo termine si indicano sia l’analisi del passato e del presente (tramite la raccolta di dati ed informazioni) per capire i meccanismi che hanno portato alla situazione attuale, sia i sistemi che cercano di effettuare stime attendibili sul futuro simulando diversi scenari.

Definizione e importanza della Business Intelligence

La raccolta di una mole così considerevole di dati può avvenire solo con l’utilizzo di software di business intelligence specifici per lo scopo che, in alcuni casi, arrivano ad impiegare complesse funzioni di statistica.

Riassumendo, il concetto base della Business Intelligence è quello di effettuare l’analisi, successiva ad una misurazione e ad un controllo, dei risultati ottenuti da una certa compagnia per poterli utilizzare in un secondo momento. Il passo successivo è l’utilizzo dei dati e delle stime da parte delle sezioni aziendali che si occupano di prendere decisioni per il futuro della compagnia, seppure in un’ambiente di incertezza a diversi gradi di instabilità. La business intelligence ricopre un ruolo fondamentale per le imprese, e per questo esistono master post laurea che permettono la formazione in queste aree di studio.

Business Intelligence (BI), analisi dei dati e performance management

Allargare le proprie conoscenze sulle metodologie di indagine e sulla tecnologia all’avanguardia per la corretta gestione e analisi dei dati sono le basi su cui si fondano gli specifici open program che Bologna Business School mette a disposizione dei suoi allievi.

BBS infatti permette di apprendere le regole della business intelligence, attraverso corsi e master specialistici che permettono la formazione di manager nel settore dell’intelligence e della raccolta e analisi delle informazioni strategiche che possono migliorare le performance del business.

Il percorso formativo della Bologna Business School su Business Intelligence & Performance Management, si articola in 10 lezioni distribuite su 5 fine settimana (sabato e domenica) che hanno lo scopo di portare i candidati alla perfetta conoscenza di tutti gli ambiti interessati dalla Business Intelligence, conferendo loro le giuste competenze sulle materie di Datawarehouse, Performance Management Analytics, oltre che nel Data Mining. Naturalmente, sono presi in esame anche gli strumenti manageriali e la tecnologia adatti allo scopo. Tutto questo con l’ausilio di docenti che formano una faculty di accademici, consulenti e manager.

Big Data: analisi dei dati per il vantaggio competitivo

Analisi dei dati e vantaggio competitivo: applicazioni della BI

Possiamo affermare che due sono i livelli in cui questo processo trova la sua massima esplicazione: la direzione aziendale e gli altri settori. La direzione aziendale viene considerata a sè per l’importanza che le sue scelte avranno sul futuro dell’azienda: qui il controllo di gestione (performance management) fornisce il materiale utilizzato dal management per verificare l’andamento corrente dell’azienda, immaginare futuri scenari di competizione ed elaborare strategie compensative.

Particolarmente interessato a questo specifico ambito è il personale delle aziende di consulenza o quello di specifiche aree interne ad una compagnia, come ICT, vendite, marketing e controllo di gestione.

Gli altri settori aziendali interessati dalla Business Intelligence (risorse umane, finanza, marketing) trovano anch’essi giovamento dall’analisi dei dati raccolti e fungono da interfaccia con il management aziendale, basando il confronto su dati concreti e tangibili a riprova o smentita di processi e pratiche aziendali.

I dati raccolti, solitamente, provengono dall’interno dell’azienda tramite i suoi sistemi informativi, ma spesso rappresentano anche le richieste dei clienti, i trend tecnologici e culturali, le aspettative dell’azionariato più influente.

La quantità di dati che un’azienda moderna si trova a dover trattare, per il suo corretto funzionamento, assume proporzioni rilevanti. Si tratta di dati che contengono informazioni preziose per l’azienda e per le sue scelte future che la gerarchia dell’azienda ha il compito di far fruttare, ma che non sempre sono gestiti nel modo corretto. È ormai ampiamente dimostrato che sovente i dati sono gestiti in maniera impropria, non di rado per una cattiva sinergia fra le parti interessate o per l’utilizzo di tecnologia inadeguata all’effettiva esigenza aziendale. Un problema non secondario che comporta il rischio della formazione di situazioni in cui i danni sono maggiori dei benefici.

download1

Sabbiarelli i disegni: un’idea regalo educativa e divertente

Quante volte ci è capitato di non avere la minima idea di che cosa regalare ai nostri piccolini? Ci troviamo spesso in difficoltà davanti alla miriade di possibilità offerte dal reparto giocattoli del supermercato, vorremmo indovinare il regalo perfetto, magari scegliendo qualcosa di educativo, stimolante, divertente. L’idea perfetta esiste e si chiama “Sabbiarelli: il colore per gioco”download

Sabbiarelli è un gioco divertente e italiano al 100 %: ideato da Ferrari Granulati, una nota azienda veronese leader nella lavorazione dei pregiati marmi italiani. Con i Sabbiarelli è possibile creare dei disegni con la sabbia colorata, in modo facile, sicuro e divertente.

Sabbiarelli si presentano in kit di diverse dimensioni, ma per iniziare a conoscere il mondo dei Sabbiarelli è consigliato l’Home Kit Sabbiarelli ideale per imparare ad usare questi bellissimi colori fatti con la sabbia. L’Home Kit comprende 12 Sabbiarelli colorati, 8 fogli da disegno prestampati e pretagliati e 2 spellicolini e il libretto di istruzioni

Sabbiarelli: istruzioni per l’uso

Sabbiarelli è un gioco dedicato ai bambini di età compresa tra i 4 e i 12 anni. Giocare con i Sabbiarelli è facile e divertente, inoltre non sporcano e sono prodotti con materiali eco-compatibili e atossici e naturalmente sono stati ideati seguendo tutte le norme di sicurezza.

Sabbiarelli sono disegni da colorarevengono ricavati colorando la sabbia bianca con coloranti atossici. La sabbia colorata viene inserita dentro dei piccoli dosatori che il bambino utilizza come le tradizionali matite da disegno. Il dosatore, sistemato in posizione verticale, rilascia una piccola porzione di sabbia colorata, che il bambino deve diffondere sulla zona di foglio desiderata aiutandosi con i polpastrelli.  La sabbia viene diffusa su dei fogli adesivi, che la fanno aderire bene sulla superficie senza disperdersi. I fogli adesivi sono divisi in diverse zone e sono protetti con una pellicola: prima di colorare ogni porzione di foglio adesivo è necessario staccare la pellicola con lo spellicolino in dotazione. La sabbia in eccesso viene versata su un vassoio in dotazione con i bordi rialzati, ciò permette di non spargere la sabbia nei dintorni. Le zone prestampate vengono colorate una ad una. Il risultato finale è un bellissimo disegno fatto con la sabbia colorata, da appendere, indossare o da utilizzare per decorare la casa.

Sabbiarelli sono un’idea regalo originale, divertente e soprattutto educativa: con i Sabbiarelli il bambino impara ad esplorare e manipolare nuovi materiali, dare sfogo alla propria creatività, senza rinunciare al divertimento. Se volete ottenere un successo sicuro, esiste un kit Sabbiarelli pensato proprio per i party, in questo modo tutti i bambini presenti alla festa potranno essere coinvolti in un divertente laboratorio creativo con i Sabbiarelli.

Perizia informatica forense: a chi rivolgersi?

L’attività più importante nel corso di un procedimento giudiziario è la redazione della perizia informatica forense. Che sia un processo civile o penale, il momento della valutazione delle prove presentate dalle parti è la fase più delicata e determinante del giudizio.

L’attività del Magistrato giudicante è quella di giungere alla soluzione certa e precisa della causa senza pregiudicare i diritti di ciascuna delle parti. Gli elementi probatori sono fondamentali e rendono il Giudice in grado di farsi l’idea corretta della dinamica fattuale verificatasi nel caso di specie.

La perizia informatica forense è quel documento, una relazione, elaborata a seguito dell’analisi e dello studio degli elementi tecnici che i professionisti esperti di un settore sono chiamati per conto del Giudice stesso come CTU o dagli Avvocati difensori delle parti come CTP.

Analisi dettagliata della documentazione presentata, elaborazione dei dati estrapolati a seguito dell’implementazione delle tecniche specifiche che vengono attuate sui supporto informatici. Acquisiti i dati digitali i consulenti tecnici procedono con la valutazione degli stessi e redigono, in conclusione, una relazione peritale denominata perizia informatica forense.

Michele Ferrazzano consulente tecnico

Il Dott. Michele Ferrazzano ha competenze in varie materie legate all’ambito informatico e giudiziario e svolge attività di elaborazione, analisi a seguito di estrapolazione di dati digitali contenuti su i più vari supporti informatici. Dal recupero di dati su cellulari e smartphone ai dati contenuti in computer o altri supporti tecnologici. Dati fotografici, mail, SMS, MMS e tutto ciò che è possibile recuperare dai supporti.

Le esperienze di Ferrazzano variano dal campo dei reati di falso, della concorrenza sleale e del falso in bilancio ricostruita sulla base di documenti informatici, alla tutela della privacy e delle misure minime di sicurezza informatica per i dati personali nell’ambito di attività sanitaria pubblica e privata.

Un libero professionista che mette a disposizione la sua professionalità e la sua esperienza per svolgere con precisione l’attività di consulenza giuridica e redigere perizie informatiche forensi dettagliate ed esaustive.

Professionalità ed esperienza a disposizione di Giudici, Avvocati e parti.

Perchè diventare pasticcere nel 2014: chi può farlo e quali sono gli sbocchi professionali?

Chi può diventare pasticcere?

pasticciere

Un ragazzo impara a fare il pasticcere.

Ovviamente chiunque abbia un ottimo rapporto con la cucina e con tutto il necessario per preparare dei succulenti dolci. Non deve mancare, perciò, la passione e la voglia di imparare, il tutto associato alla fantasia di un buon design e la curiosità di scoprire nuove combinazioni che stuzzichino il palato.
Non sono richiesti titoli complessi. Basta un diploma, magari presso una scuola di cucina e una relativa specializzazione nella pasticceria. Le doti manuali e la voglia di mettersi in gioco, fanno il resto.

Dove imparare?

Esistono da molto tempo, scuole nate solo per i dolci. Sino a pochi anni fa, una qualunque scuola di cucina ritagliava una parte dei corsi per la pasticceria, ora, invece, interi settori sono destinati alla cura di un mondo da esplorare come la pasticceria.

A Milano, ad esempio esistono scuole come “la Raffinata Cake Design” o la più nota “Congusto” che organizzano corsi di pasticceria per appassionati o per esperti che si vogliano specializzare in un mercato che non conosce limiti.

Esistono diversi corsi organizzati anche dagli stessi pasticceri che hanno maturato anni di esperienza. Lì si possono trovare nelle singole città, dove una ricerca in internet con “corsi di pasticceria”, offre centinaia di risultati.
Molte pasticcerie conosciute, organizzano propri corsi all’interno dei loro locali, intrattenendo gli appassionati con una serie di giornate a diversi indirizzi. Perciò si possono trovare corsi legati al mondo delle torte, della cioccolata o dei pasticcini, sino a quelli più completi su come aprire una pasticceria propria.

Come quello culinario in generale, la pasticceria copre una grande fetta di mercato che lascia indifferenti poche persone. Sempre più richieste invadano il mercato dei dolci e sempre più possibilità si aprono in un mondo in crisi su diversi fronti. Allora perché non riconquistare il morale a terra con dei succo,enti dolci preparati da veri professionisti o anche da semplici appassionati.

Possibilità lavorative

Nei paesi che concorrono alla modernizzazione a tutti i costi, il mercato della pasticceria è in forte espansione. La richiesta di pasticceri italiani in paesi come il Brasile o la Cina si è triplicata solo nell’ultimo anno, aprendo nuovi fronti a chi è alla ricerca di un lavoro. Come accennato, non servono grandi doti diplomatiche, ma una forte passione verso la cucina e la voglia di esplorare i vecchi sapori da abbinare ai più sconosciuti dei nuovi mondi che si stanno aprendo alla cucina italiana.

pasticcini

Comunque, anche nel nostro paese, la pasticceria rimane un settore in espansione che non conosce crisi. Al dolce non si rinuncia mai, nemmeno nel periodo additato con la sigla “dieta”. Persino i diabetici trovano pasticcerie che garantiscono loro, la possibilità di farsi cullare con dolci preparati per affrontare una simile patologia, o leccornie per intolleranti alle uova, alle nocciole o al latte che riescono a non chiudere la porta alla pasticceria.

Perciò, in forma di sola passione o di una cucina più ricercata, la pasticceria non perde mai potere economico e di persuasione.